Giorno della Memoria

Giorno della Memoria (8)

Shoah – Giorno della memoria

 

Uno dei compiti più importanti degli insegnanti è quello di trasferire ai giovani nuovi e positivi valori, attingendo da quegli avvenimenti del passato (più o meno recente) che hanno segnato e rivoluzionato la nostra storia. Ecco allora che la “memoria” diventa momento di riflessione ed analisi del quotidiano etico/socio/politico finalizzato ad una profonda presa di coscienza dei mutamenti ancora in atto, per vivere il nostro tempo in modo responsabile e critico. Tra le vicende del passato, emblematica è la Shoah, giornata della memoria, per non dimenticare l’Olocausto commesso dai nazisti durante la seconda guerra Mondiale nei confronti degli ebrei, ma anche per ricordare tutte le altre vittime dei lager nazisti, inclusi disabili, prigionieri politici, rom e omosessuali.
I film proposti ai ragazzi per questa occasione, sono la prova di come il cinema abbia svolto un immenso ruolo nella diffusione di un tema così scottante e atroce. I docenti possono quindi trovare, proprio nel cinema, un prezioso alleato per affrontare al meglio questo complesso passo storico. Al di là di una sterile commemorazione il 27 gennaio, l’obiettivo è mantenere costantemente vivo il “ricordo” per evitare che tali crudeltà possano ripetersi in futuro, visto anche il clima di intolleranza e violenza che sempre più diffusamente penetra e condiziona la vita dei popoli. Per i giovani, conoscere la Shoah anche attraverso il cinema, costituisce un momento di sicuro impatto emotivo, probabilmente forte e duro, ma assolutamente necessario. La Giornata della Memoria non serve solo a commemorare quei milioni di persone uccise crudelmente e senza nessuna pietà ormai quasi 80 anni fa. E’ utile a ricordare che ogni giorno esistono tante piccole discriminazioni verso chi ci sembra diverso da noi. Per gli insegnanti quindi, costituisce un valido punto di partenza per stimolare gli studenti alla riflessione su analogie e diversità, nell’ottica di formare cittadini consapevoli e responsabili. Per concludere: “Un popolo senza memoria è un popolo senza futuro”, diceva giustamente lo scrittore cileno Luis Sepúlveda.

 

Un sacchetto di biglie

Un sacchetto di biglie

REGIA Christian Duguay NAZIONE: USA GENERE: Drammatico DURATA: 110 Min

CAST: Dorian Le Clech, Batyste Fleurial, Patrick Bruel, Elsa Zylberstein, Bernard Campan, Christian Clavier, César Domboy, Ilian Bergala, Emile Berling, Jocelyne Desverchere

  •  Primarie
  • Secondarie I°
  • Secondaria II°

TRAMA: Maurice e Joseph, due fratelli ebrei che amano giocare con le biglie, fuggono per tutta la Francia sotto l’occupazione tedesca durante la Seconda guerra mondiale. Dovranno ricorrere a un’incredibile dose di malizia, coraggio e ingegno per sfuggire alla barbarie nazista.

 

Fonte: circuitocinemascuole.com

 

La signora dello zoo di Varsavia

La signora dello zoo di Varsavia

REGIA Niki Caro NAZIONE: USA GENERE: Drammatico DURATA: 127 Min

CAST: Jessica Chastain, Daniel Brühl, Johan Heldenbergh, Iddo Goldberg, Shira Haas, Michael McElhatton, Marta Issová, Goran Kostic, Arnost Goldflam, Martin Hofmann

 

TRAMA: Ispirato alla storia vera di Jan e Antonina Zabinski, La signora dello zoo di Varsavia è un racconto di eroismo civile in tempo di guerra, e insieme una dichiarazione d'amore per la natura e gli animali. 
Sul finire del 1939, le truppe naziste bombardano la capitale polacca, riducendo il famoso zoo a un cumulo di macerie. Il direttore della struttura e sua moglie (Jessica Chastain) assistono impotenti all'occupazione del Paese e alla costruzione del ghetto ebraico. Ma con l'inizio delle deportazioni, nel 1942, la coppia si mobilita per nascondere intere famiglie di Ebrei all'interno del giardino zoologico, mascherato da allevamento di maiali. La villa degli Zabinski e le vecchie gabbie ancora intatte diventano un rifugio segreto al riparo dai feroci nazisti. "La casa sotto la folle stella", com'era chiamato lo zoo al tempo del suo massimo splendore, viene ricordata per aver salvato circa trecento Ebrei dal genocidio.

 

Fonte: coming soon

 

Una questione privata

Una questione privata

REGIA Paolo Taviani, Vittorio Taviani NAZIONE: Italia GENERE: Guerra DURATA: 84 Min

CAST: Luca Marinelli, Francesco Turbanti, Valentina Bellè, Anna Ferruzzo, Lorenzo Richelmy, Alessandro Sperduti, Guglielmo Favilla

 

TRAMA: Tratto dall'omonimo romanzo di Beppe Fenoglio, Una questione privata segue le vicende del giovane partigiano Milton (Luca Marinelli), innamorato della bella Fulvia, ne perde le tracce durante la guerra di resistenza nelle Langhe. Sullo sfondo della battaglia partigiana, il protagonista intraprende un eroico viaggio alla ricerca dell'amore perduto e della verità che ruota attorno ad esso. Grazie alla complicità della custode della villa (Anna Ferruzzo) dove i due innamorati passavano le loro serate, Milton scopre il terribile segreto che traccerà la sua strada: contorta e pericolosa, disseminata di nemici e insormontabili sfide.

Fonte: coming soon

 

IL VIAGGIO DI FANNY

IL VIAGGIO DI FANNY

LUCKY RED
 
presenta
 
IL VIAGGIO DI FANNY
di Lola Doillon
 
 
IL FILM PER LA GIORNATA DELLA MEMORIA 2017
ADATTO PER TUTTE LE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO
 
SCARICA QUI IL DOSSIER DIDATTICO DEL FILM
E CLICCA QUI PER GUARDARE IL TRAILER
 
Evento nei cinema il 26 e 27 gennaio 2017 in occasione della Giornata della Memoria e disponibile per le scuole fino al termine dell’a.s. 2016/2017.
 
Il film racconta la storia vera della tredicenne Fanny Ben-Ami e delle sue sorelle, lasciate dai genitori in una delle colonie francesi destinate a proteggere i minori dai rischi della guerra. Lì conoscono altri coetanei e con loro, quando i rastrellamenti nazisti si intensificano e inaspriscono, sono costrette alla fuga. Questi bambini dovranno fare appello a tutta la loro forza interiore e al loro coraggio per affrontare pericoli e peripezie nel tentativo di raggiungere il confine svizzero e salvarsi. Dovranno fare i conti con la fame, con il freddo, con l’odio dei nemici, ma incontreranno talvolta persone disposte a proteggerli anche a rischio della propria vita. Anche nelle difficoltà più ardue e nella paura riusciranno a conservare il loro essere bambini, imparando ad essere indipendenti e scoprendo il valore della solidarietà e dell’amicizia.
 
 
D’accordo con molti insegnanti che hanno già visto il film in anteprima, si suggerisce la visione a tutti gli studenti a partire dagli 8 anni.
Perché portare al cinema i propri studenti a vedere Il viaggio di Fanny?
 
Perché è un viaggio emozionante ispirato a una storia vera che parla di amicizia e libertà.
Perché è un racconto inedito sulla persecuzione razziale durante la seconda guerra mondiale.
Perché i protagonisti sono bambini e il loro sguardo consentirà ai giovani spettatori una fruizione diretta ed empatica.
Perché è ricco di insegnamenti morali come il rispetto della dignità e della libertà della persona, l’importanza della solidarietà e l’aiuto reciproco.
Perché raramente si vedono film sull’argomento adatti anche per la scuola primaria e secondaria di primo grado.
Perché rappresenta, per questi e molti altri motivi, una rara occasione per dare anche ai più piccoli un immancabile appuntamento con la storia.
Perché il cinema rappresenta un utile e valido strumento di aiuto alla didattica grazie al suo linguaggio diretto, coinvolgente ed efficace.
 
 

Per info e prenotazioni di matinées nei cinema con biglietto ridotto per gli studenti:

Cineclub Greenwich d'essai
via Sassari, 65a/67
09124 Cagliari (CA)
Tel. 070666859
Cell. 345.5755855
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito web: www.greenwichdessai.it

 

 

Subscribe to this RSS feed
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok